Stagionalità dei prodotti: Dicembre

prodottistagionalidic

Eccoci arrivati all’ultimo mese dell’anno con la nostra lavagna dei prodotti stagionali. Dicembre è il mese dell’acquisto e dello spreco per antonomasia, perché dunque non impegnarsi a invertire la rotta, cercando di fare regali utili, consumando il più possibile prodotti stagionali, riducendo il consumo di carne? Non è detto che a natale bisogna assolutamente mangiare frutti esotici, quintali di carne, prosciutto crudo con il melone, perché basta semplicemente un po’ di fantasia e voglia di fare per una tavola di natale buona e sostenibile.

Stagionalità dei prodotti: Ottobre

prodottistagionaliottobre

Rieccoci qui con il consueto appuntamento mensile! Ormai siamo in pieno autunno e ahimè della frutta estiva abbiamo solo un ricordo, ma guardate bene: kiwi, limoni, melograno, cicoria, verza, zucca. Tanti prodotti buoni da mangiare e alcuni anche da spalmare…

A presto ricette stagionali!

Dal Medio Oriente con sapore: l'Hummus di ceci

hummus

 

L’hummus di ceci è una deliziosa crema tipica del Medio Oriente che viene servita come antipasto da gustare prima delle altre pietanze, ma d’estate può andare bene anche per cena o anche per pranzi leggeri al mare, accompagnato da pane e verdure rigorosamente crude. L’hummus viene preparato con ceci e tahina, una particolare pasta di sesamo, detta anche burro di sesamo, molto diffusa in Turchia e nel Vicino Oriente.

La tahina di trova in alcuni supermercati nei reparti etnici, oppure nei negozi biologici, ma se proprio volete una buona salsina di sesamo a basso costo e senza conservanti, conviene farla in casa. Questa crema ha un altissimo valore nutrizionale: il sesamo, oltre ad essere l’alimento più ricco di calcio in natura che ci sia, apporta fosforo, acido linoleico, istamina, magnesio, silicio, zinco , ferro e vitamine B E D; inoltre contiene la sesamolina (sostanza che tutela il fegato dai danni derivanti dall’ossidazione) e la sesamina (molto utile per abbassare il tasso di colesterolo nel sangue. Facilissima da preparare, io ho deciso di farla da me con dei semi di sesamo biologico e l’olio di semi di sesamo puro che uso per i cosmetici. Vedete come tutto torna? Olio solare puro di sesamo, buono da mangiare. Nutrire il corpo dentro e fuori.

Ricetta tahina

200 grammi di semi di sesamo
100 grammi di olio di vinaccioli o di olio di sesamo o di olio di arachidi o di olio di semi di girasole
1 pizzico di sale marino integrale fino (facoltativo)

-Fai dorare i semi di sesamo in una padella a fuoco basso, girando continuamente con un cucchiaio di legno  a movimenti circolari e smuovendo di tanto in tanto la padella, facendo attenzione che il sesamo non abbrustolisca e fumi, in quanto  potrebbe formarsi il sesamolo, sostanza tossica e amarognola. Il sesamo è “al giusto punto” di doratura appena il suo delizioso aroma comincia a sprigionarsi nell’aria e quando i semini iniziano a scoppiettare.

-Trita il sesamo nel macinacaffè o con un mortaio fino a raggiungere una consistenza farinosa.

-Metti la povere ottenuta nel boccale del frullatore assieme all’olio e al sale e mixate fino a che il composto avrà  l’omogeneità di una crema.

-Lascia raffreddare la pasta di sesamo e procedi con l’hummus.

Preparazione dell’hummus

250 gr di ceci cotti (messi a bagno la sera prima) o precotti
1 spicchio d’aglio
2 cucchiai di tahina
1 limone
1 cucchiaio di cumino
Olio d’oliva, prezzemolo, sale a piacere

-Mettete nel frullatore i ceci con la tahina, il succo di limone, lo spicchi d’aglio pestato, il cumino, se necessario dell’acqua, e il sale; frullare a bassa velocità per 30 secondi fino ad ottenere un composto omogeneo abbastanza denso;

Servite in una ciotola e decorare con il prezzemolo tritato, un pizzico di peperoncino e/o paprica e un filo di olio d’oliva;

-Accompagnate l’hummus con pane tostato, pane arabo e verdure crude. In questo caso ho scelto verdure stagionali come cetriolo, peperoni e carote.

Questo piatto è davvero facilissimo, gustoso ed estivo. Io ne ho mangiato a quintalate, provate per credere.

Ricetta originale da http://www.arab.it

Stagionalità dei prodotti: Giugno

Ritornati con il consueto promemoria di inizio mese: la lavagna con i prodotti stagionali. Qual è la frutta e la verdura di stagione? In questi mesi c’è vasta scelta di cose buone e che fanno bene. Compra locale, mangia stagionale!

prodottistagionaligiugno

Stagionalità dei prodotti: Maggio

stagionalitàmaggio

Quali sono i prodotti stagionali di maggio? Cosa bisogna acquistare per consumare criticamente? Eccoci per il consueto promemoria di inizio mese, da stampare e attaccare al frigorifero, oppure se non volete stampare carta, potete sempre dare un’occhiata qui.

Con sommo piacere, sono tornati peperoni, melanzane e zucchine… era ora.

Cotolette di cicoria al forno… Goodbye cicoria

Sto ascoltando Have Love Will Travel – The Sonics

Dall’album: Here Are The Sonics, 1965

Genere: Garage, Proto-Punk

cotolettecicoria

Cicoria amore mio, la tua stagione sta volgendo al termine! Vi ho già parlato della cicoria e di quanto faccia bene all’organismo nella ricetta di Favetta e Cicoria. Quest’inverno ne ho consumata in quantità industriali in tutte le salse e purtroppo il nostro amore volge al termine (almeno temporaneamente per la primavera e l’estate), per questo prima di dirle definitivamente “arrivederci”, mi sono cimentata in questo piatto facile, leggero e pratico da portare per picnic e gite fuori porta. La ricetta originale prevedeva la frittura ma, dopo le vacanze pasquali, ho preferito stare sul leggero e cucinarle in forno e devo dire che sono venute belle croccanti e appetitose.

Ricetta

2 kg di cicoria da pulire
40 gr di burro
1 cipolla media
3 fette di pane raffermo
1 uovo
Pan grattato, grana, pecorino, noce moscata, latte, fontina q.b.

Preparazione

-Pulire, lavare e lessare la cicoria. Passarla in padella con burro e cipolla.

-Mettere il pane raffermo nel latte fino a ricoprirlo tutto, farlo ammollare e strizzarlo.

-In una ciotola mettere il pane raffermo strizzato, la cicoria saltata in padella, l’uovo, grana, pecorino, noce moscata e amalgamare il tutto.

-Fare delle polpette schiacciate, passarle nel pangrattato e friggerle. Nella versione light, passare le polpette nel pangrattato e disporle in una teglia da forno imburrata. Distribuire su ogni cotoletta una pezzetto di fontina.

-Cuocere in forno per un quarto d’ora circa, giusto il tempo di farle gratinare.

Buone, facili e veloci. E per contorno? Cicoria cruda ovviamente!