Autoproduzioni cosmetiche con i fiori spontanei: l’oleolito di malva e calendula

oleolito_lecopunk

Vi ricordate la raccolta di piante e fiori spontanei in occasione dell’Earth Day? Dopo avervi mostrato papaveri, calendula, tarassaco e malva taccolti sulla Murgia pugliese, in particolare ai piedi di Castel del Monte; in tanti ci avete chiesto cosa avremmo fatto della raccolta. Bene, il tarassaco è stato stufato e consumato il giorno dopo accompagnato da focaccia semintegrale fatta in casa; i papaveri sono finiti in un infuso per una tisana della buonanotte (il cosidetto “papagno” per far dormire i bambini, in questo caso abbastanza cresciuti…) e la malva e la calendula? Sott’olio di oliva rigorosamente made in Puglia!

L’oleolito è un preparato molto utilizzato in ecocosmesi che, come già scritto, altro non è che la macerazione della cosiddetta droga in olio a vostra scelta; in questo caso ho utilizzato olio di oliva, un olio abbastanza pesante che ben si sposa con le proprietà di malva e calendula. Dopo 20 giorni dalla messa sott’olio al buio, si filtra in un barattolo di vetro pulito e completamente asciutto ed è pronto all’utilizzo. Il cosmetico ottenuto possiede proprietà lenitive, emollienti, antinfiammatorie, antispasmodiche, cicatrizzanti. Vediamo insieme i vari utilizzi:

  • puro come olio dopobagno per i neonati, olio intimo, olio lenitivo per il corpo in caso di pelle molto irritata;
  • in aggiunta a dei preparati come la Crema solare protettivaLozione dopobarbaGel DoposolePomata all’ossido di zinco per le irritazioni di varia natura, l’Unguento post puntura di zanzare e insetti vari, sempre durante la fase oleosa;
  • come base per un olio repellente per le punture di insetti a cui andrete ad aggiungere l’olio essenziale di citronella e tea tree o per un olio contro le irritazioni in generale a cui aggiungerete l’olio essenziale di tea tree, lavanda, camomilla.

Come vedete è un oleolito abbastanza versatile e molto utile soprattuto in vista dell’estate. E voi come lo utilizzate?

Tonico lenitivo e purificante alla melissa e tè verde

tonicomelissa

Un tonico fai da te semplicissimo, senza derivati del petrolio e lenitivo. Avevo in casa della melissa biologica in bustine, acquistata per le sue proprietà calmanti e digestive e mi son detta, perché non provare a farci un tonico?

La melissa

melissa-officinalisErba spontanea le cui foglie, ricche di olio essenziale, sono impiegate negli stati d’ansia con somatizzazioni a carico del sistema gastroenterico. Per la sua azione antispasmodica, antinfiammatoria e carminativa è indicata in caso di dolori mestruali, nevralgie, disturbi della digestione, nausea, flatulenza crampi addominali e colite. Il suo uso è particolarmente indicato, perciò, in presenza di un quadro d’irritabilità generale, insonnia causata da stanchezza eccessiva, nervosismo, sindrome premestruale, e tachicardia. In cosmesi viene utilizzata per le sue buone proprietà decongestionanti e lenitive cutanee, molto probabilmente dovute all’attività antinfiammatoria dell’acido rosmarinico, uno dei principali componenti del fitocomplesso di Melissa officinalis. Gli estratti entrano pertanto nella formulazione di creme, latti e tonici ad effetto lenitivo, tonificante e rinfrescante sull’epidermide. Per la Melissa viene inoltre descritta un’attività antivirale sull’Herpes simplex (HSV-1), probabilmente dovuta alla presenza di tannini ed acidi fenolici.

Abbiamo capito quindi che l’olio essenziale è contenuto nelle foglie, possiamo procedere quindi con il tonico!

Ricetta

1 bustina di tè verde o 2 cucchiaini di foglie
1 bustina di melissa o 2 cucchiaini di foglie
200 gr di acqua distillata
1 cucchiaino di glicerina
1/2 cucchiaino di aceto di mele
10 gocce di olio essenziale di rosmarino o lavanda
18 gocce di estratto di semi di pompelmo (conservante)

-Fate bollire l’acqua in un pentolino, spegnete il fuoco e lasciate in infusione il tè e la melissa per una ventina di minuti.

-Filtrate e aggiungete la glicerina, l’aceto, l’olio essenziale e il conservante.

Un tonico da utilizzare sia per il viso che per il corpo, in tal caso sarebbe più comodo metterlo in un contenitore spray così da sprizzarlo sulle parti interessate. Se non avete il conservante, dura una settimana conservato nel frigorifero.

Si presta bene in caso di irritazioni, scottature, pelle mista o grassa. Se desiderate un tonico più purificante, vi consiglio di preparare il Tonico astringente al tè verde.

Info sulla Melissa da cure-naturali.it