Crisi? In Italia aumenta il consumo etico e negli USA chiudono i centri commerciali

consumi2014

Foto da Rapporto Consumi Coop 2014

In questi giorni ho letto di notizie interessanti riguardo bilanci di fine anno sui consumi. Notizie positive per gli ecopunkers, secondo quanto riportato dal Rapporto Coop “Consumi e distribuzione” redatto in collaborazione con Ref Ricerche e Nielsen sui consumi degli italiani e in un articolo della Repubblica sulle abitudini di acquisto negli USA.

Qual è lo stato degli acquisti e dei consumi? In Italia nel 2014 c’è stato un calo sensibile di acquisti di automobili, abbigliamento e calzature, meno uscite fuori casa per mangiare e meno take away a favore dell’uso della bici (superiore nel Nord Italia, soprattutto a Milano), dell’acquisto di libri e musica in formato digitale e soprattutto, questa la notizia per noi più interessante, del cibo etico e biologico. In particolare lo spostamento verso beni di prezzo inferiore, il ricorso alle promozioni, il nomadismo della spesa, la riduzione degli sprechi e l’utilizzo di internet per avere informazioni sui prodotti, implicano una difesa della qualità del cibo a tutela del potere di acquisto. “Le cicatrici della crisi quindi, sono diventate valori” in cui da rinuncia e necessità, si è passati ad una revisione totale degli stili di vita e di consumo il cui paradigma è l’equazione Mangiare bene = stare bene.

veganieveg

Il dato significativo sta nell’aumento esponenziale dei vegetariani e vegani, arrivando al 7% della popolazione totale che non acquista e non consuma carne o pesce. Il 31% di loro afferma di non mangiare più carne per rispetto nei confronti degli animali, il 24% per ragioni salutistiche, il 9% per limitare i danni ambientali derivati dagli allevamenti intensivi. In aumento anche l’attenzione alla riduzione dei rifiuti e degli sprechi alimentari, anche se l’Italia con i suoi 150 kg di sprechi alimentari pro capite, è ancora lontana dalla strategia rifiuti zero e dai risultati degli altri paesi europei come Germania o Olanda. Le regioni prime per la riduzione degli sprechi sono la Campania, la Lombardia e la Sardegna.consumoetico

Un aumento insomma della sensibilità e del consumo etico. Il supermercato quindi, diventa finamente l’occasione per sostenere giuste cause, stando attenti durante l’acquisto alla reputazione dell’azienda e al ciclo produttivo del prodotto. Il vero made in Italy rimane sempre il cibo, con Emilia Romagna e Sicilia che trainano l’export di cibo di qualità soprattutto in Germania e USA.

E a proposito degli USA, il cibo italiano va alla grande ma questa non è una novità. La notizia che ha lasciato perplessi noi europei è che il centro commerciale, simbolo del consumismo e del modello di società americana, sta per estinguersi. Non è un sintomo di crisi economica, anzi l’America, felice eccezione mondiale, ha una crescita vigorosa, un mercato del lavoro che tira e consumi in ripresa; a svuotare i centri commerciali tradizionali sono le diseguaglianze. L’ipermercato tradizionale è un modello interclassista e trasversale, studiato appositamente per quell’ampia fascia che era la middle class oramai scomparsa a causa della polarizzazione della società americana: da una parte i lavoratori a salario minimo, dal potere d’acquisto immobile, che vanno a fare la spesa negli ipermercati discount Costco; dall’altra i ricchi che prediligono i grandi magazzini glamour, tipo Saks Fifth Avenue. Nell’ultima decade, una trentina di ipermercati hanno chiuso.

deadmallsecopunk

Centro commerciale abbandonato. Foto da thoughtcatalog.com

Altri 60 potrebbero fare la stessa fine in tempi rapidi. Un fenomeno talmente destabilizzante nell’immaginario collettivo americano, che è nato un sito specializzato per censirli, si chiama prevedibilmente www.deadmalls.com. Il fenomeno dei centri commerciali “morti” sprigiona una sorta di fascino macabro: sembrano città fantasma, cattedrali nel deserto, costruzioni imponenti e spettrali.  E in effetti proprio di recente Hollywood ha deciso di ambientare alcune scene del film Gone Girl in uno di questi centri fantasma*.

In Italia quindi è aumentato il consumo etico, negli USA i centri commerciali chiudono. Che qualcosa stia cambiando? Se così fosse, benvenuta crisi…

Per leggere l’intero Rapporto Coop, leggi il Magazine

Per rinfrescare la memoria, sfoglia la Miniguida al consumo critico by l’EcoPunk!

*da Repubblica.it, Centro commerciale addio, negli Usa crolla il mito dei templi dello shopping

 

16-22 settembre: Settimana Europea della Mobilità Sostenibile

sem2014

Oggi inizia la Sem, Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, un’iniziativa promossa dalla Commissione Ue con l’obiettivo di sensibilizzare i cittadini sull’impatto dei trasporti sulla qualità dell’aria e incoraggiarli a usare mezzi alternativi all’auto privata. “Our streets, our choice” è lo slogan dell’edizione 2014, che si terrà da oggi al 22 settembre, e che vuole diffondere consapevolezza sul legame tra le scelte di mobilità – e quindi il traffico motorizzato e l’inquinamento atmosferico delle città – e una migliore fruizione degli spazi urbani. Lo slogan si lega all’altra campagna intitolata Do the right mix, di cui vi avevo già parlato l’anno scorso, che invita a trovare il giusto mix fra le modalità di spostamento (guarda qui il video promozionale).

Per diversi anni le politiche di mobilità realizzate in tutta Europa hanno privilegiato la circolazione delle vetture private – modalità di trasporto che necessita di una grande quantità di spazi, è costosa ed altamente inquinante – a scapito di altre forme di trasporto, quali la mobilità ciclistica, pedonale o il trasporto pubblico locale. Come risultato, le nostre città hanno visto crescere i livelli di traffico ed inquinamento, a fronte di una riduzione degli spazi per la ricreazione e il tempo libero, con il conseguente e inevitabile abbassamento della qualità della vita. Tradizionalmente, per fronteggiare il problema della congestione urbana la soluzione alla quale si è fatto ricorso è stata quella di costruire nuove strade o di allargare quelle già esistenti. Ricerche ed analisi, tuttavia, hanno dimostrato che questa, lungi da essere la soluzione al problema, ne costituisce, in realtà, un ulteriore aggravamento, con più persone che optano per spostamenti in auto.

Il Ministero dell’Ambiente aderisce anche quest’anno alla Settimana Europea della Mobilità Sostenibile, condividendone gli obiettivi, svolgendo un ruolo di coordinamento nazionale e di supporto delle iniziative e degli eventi attuati da Comuni e associazioni, nonché promuovendo la partecipazione attiva dei cittadini e specifiche azioni a carattere nazionale.

Allora che aspetti? Vai sul sito www.settimanaeuropea.it, trova l’evento più vicino a te, prendi la bici e partecipa!

Usare la bici in città crea posti di lavoro e salva vite umane

bicicittà

 

Se le grandi citta’ europee andassero in bici come fa Copenaghen il settore delle due ruote, ogni anno, potrebbe creare 76mila nuovi posti di lavoro e questa nuova mobilita’ salverebbe la vita almeno a 10mila persone grazie a all’aumento dell’attivita’ fisica e alla diminuzione degli incidenti stradali, del rumore e dello smog. Sono queste le conclusioni a cui e’ giunta una ricerca realizzata dall’Unece, la commissione economica per l’Europa delle Nazioni Unite. Una notizia di pochi giorni fa e a noi ciclisti non così nuova, infatti in un articolo di giugno dello scorso anno, già parlai di come la bici stava trainando il commercio nelle città statunitensi. Dei dati quindi che confermano anche qui in Europa, il trend positivo di un nuovo modello di intendere la mobilità sostenibile e in generale il modo di vivere le città e come questo possa creare nuovi posti di lavoro.

“Trasporti, salute e ambiente sono strettamente connessi tra loro e renderli sostenibili rappresenta una sfida importante per l’Europa” dice Eva Molnar, direttore divisione trasporti Unece. “La diminuzione degli impatti del traffico e della congestione si tradurrebbe immediatamente in una migliore qualita’ della vita per i cittadini”. Ne beneficerebbe, inoltre, anche l’economia, attraverso la creazione di nuove opportunita’ di lavoro e l’abbattimento dei costi complessivi derivanti dai danni ambientali e sanitari provocati dal trasporto, che possono pesare fino al 4% del Pil di un Paese”. L’Organizzazione mondiale della sanita’, infatti, addebita all’inquinamento atmosferico la responsabilita’ di circa 500mila decessi prematuri che si verificano all’interno della Ue a cui si devono aggiungere le 90mila vittime, sempre nell’arco dei 12 mesi, degli incidenti stradali.

La soluzione? Copiare Copenaghen, dove un quarto degli abitanti si sposta in bici, facendo decollare le attivita’ economiche legate al commercio e alla riparazione delle biciclette, cosi’ come a tutto l’indotto del settore degli accessori e della moda dei ciclisti urbani. E Copenaghen sia!

C'mon – Ciclisti per la Mobilità Nuova

salvaiciclisti

La rete #Salvaiciclisti chiama, l’Ecopunk risponde. Come? Sostenendo l’assemblea nazionale che si terrà l’8 febbraio a Bologna, aperta a istanze vecchie e nuove del movimento #Salvaiciclisti. L’8 febbraio 2012 l’esigenza di una Mobilità Nuova è divampata in maniera spontanea attraverso il movimento Salvaiciclisti. Due anni dopo è arrivato il momento di dar vita ad un nuovo soggetto che metta a sistema le azioni per ridisegnare il modo di muoversi in Italia e cambiare il volto delle nostre città.

Questa nuova realtà nascerà quindi col preciso intento di diffondere e promuovere tra cittadini, associazioni, movimenti, amministrazioni ed istituzioni la ciclabilità e la Mobilità Nuova.

OBIETTIVI ED AZIONI

Puntano a realizzare:

  • Una ripartizione 20-20-20 della mobilità urbana entro il 2020, dove:

    • il 20% degli spostamenti venga effettuato con il trasporto pubblico (TPL),

    • il 20% a piedi;

    • il 20% in bicicletta.

  • Target “zero incidenti” con un dimezzamento immediato di morti e feriti tra pedoni e ciclisti.

  • Moderazione diffusa della velocità e del traffico (ad esempio aree urbane a 30km/h, quartieri senz’auto, pedonalizzazioni).

  • Diffusione dell’uso della bicicletta come mezzo di spostamento quotidiano salutare, economico ed a basso impatto.

  • Riqualificazione degli spazi urbani per farli tornare belli, vivibili, accessibili, privi di ostacoli e barriere

Si battono per:

  • Moltiplicare servizi e infrastrutture per facilitare l’utilizzo della bicicletta.

  • Introdurre incentivi economici e/o sgravi fiscali  per chi rinuncia o ha già rinunciato formalmente all’utilizzo dell’automobile privata.

  • Individuare un principio di leggerezza strutturale e di economicità nei trasporti:

    • piccole opere per rendere più efficiente il traffico locale e gli spostamenti pendolari al posto di grandi infrastrutture nazionali e transnazionali;

    • condivisione calmierata delle strade tra le varie utenze anziché separazione tramite infrastrutture;

    • spostamenti brevi e frequenti per i nostri acquisti, rivitalizzanti per il tessuto sociale ed economico dei nostri quartieri, contrapposti agli attuali saltuari pellegrinaggi nei grandi templi del consumo di massa in periferia.

  • Imporre un radicale ripensamento nell’allocazione delle risorse economiche per i trasporti, privilegiando gli interventi di mobilità urbana, locale e regionale rispetto alle opere autostradali e all’alta velocità ferroviaria.

  • Promuovere una maggiore efficienza nella gestione delle risorse pubbliche, ove possibile privilegiando l’installazione di tramvie: sistemi ad alta capacità di carico, basso inquinamento ed elevata sicurezza per l’utenza anziana e/o con mobilità ridotta.

  • Trasformare i costi del trasporto pubblico in un investimento produttivo, che crei lavoro, ricchezza ed aumenti l’efficienza del sistema paese.

  • Agire sui trasporti e gli spostamenti per migliorare lo spazio pubblico e le sue destinazioni d’uso, utilizzando la Mobilità Nuova come preziosa chiave di lettura per ripensare completamente le nostre città ed immaginare un nuovo urbanesimo.

  • Programmare una revisione annuale del CdS con l’introduzione progressiva di modifiche funzionali al raggiungimento di tali obiettivi.

Per adesioni, compilare il form online

Per maggiori info, visita il sito www.salvaiciclisti.it

La rivoluzione a pedali delle donne afghane

Shannon-galpin-2-e1374437108632[1]

Questa è una storia vera di decrescita e rivoluzione su due pedali. Dopo le donne egiziane con la loro Girls Revolution, questa è la volta delle donne afghane che al di là di ogni convenzione sociale, hanno costituito la prima squadra di ciclismo femminile con l’obiettivo di partecipare alle Olimpiadi del 2020 in Giappone. A scortarle e proteggerle è la stessa squadra maschile.

L’obiettivo di queste donne non è la rivolta, bensì il riscatto sociale in quanto donne libere di andare in bici. Questo è quello che afferma Shannon Galpin, la donna americana che si è aggiudicata il titolo di National Geographic Adventurer 2013 per il suo lavoro umanitario e per aver pedalato, unica persona al mondo, lungo i 225 chilometri della Valle del Panijshir in Afghanistan. La donna ha venduto la sua casa per avviare l’associazione umanitaria Mountain2Mountain che porta nelle strade afgane mostre fotografiche, musica, arte, innovazione e durante il suo viaggio incontra la squadra di ciclismo maschile del Paese e la figlia dell’allenatore esprime il desiderio di andare in bici come lei. Così è nato tutto.

Tramite la bici, Shannon Galpin si avvicina alla popolazione afghana. “La bici è servita a rompere il ghiaccio e incontrare persone alle quali non avrei mai potuto rivolgere parola – racconta Shannon a Repubblicacondividere le case e il cibo con gli abitanti dei villaggi ha richiesto un grosso tributo al mio corpo, ma sono potuta entrare nella vita di tutti i giorni mostrando un poco della mia cultura e incontrando anche le loro donne, segregate in casa”.

Com’è nata poi l’idea dell’allenamento in vista delle olimpiadi, è espresso bene nel video che raccoglie le testimonianze delle cicliste. Guardatelo qui e poi ognuno respiri quella che è la forza della libertà e della rivoluzione su due ruote.

Bike to school: la critical mass di bimbi e genitori

BIKE+TO+SCHOOL+BAMBINI+DI+ROMA[1]

Oggi con grande successo in varie città d’Italia, c’è stata l’iniziativa Bike to school. Niente auto per andare a scuola, ma una pedalata di bimbi e genitori per dimostrare che anche nelle grandi città, si può andare a scuola in bici in sicurezza e sicuramente con tutt’altro spirito. “L’iniziativa nasce con lo scopo di portare i bambini in bicicletta, anche nelle città in cui è difficile farlo da soli, quindi mettere insieme dei gruppi per fare un minimo di massa critica e affrontare insieme il traffico cittadino“, spiega Anna Becchi di Bike to School. L’idea è partita da Roma da un’idea di un’associazione di genitori di una scuola del quartiere Esquilino e si è già allargata ad altre zone della città e d’Italia coinvolgendo contemporanemente Bologna, Napoli, Milano e Caserta.

125551249-65912627-4f44-4aa9-9978-ba4818135929[1]

L’entusiasmo e la partecipazione sono stati enormi, infatti Anna Becchi ha affermato: “abbiamo avuto una risposta che non ci aspettavamo. Io, che sono una ciclista abituale e normalmente porto i miei bambini in bicicletta, prima non vedevo altre mamme fare la stessa cosa, ora invece registro un’adesione eccezionale“. A Milano ad esempio, i bambini, accompagnati dai genitori e da volontari di Critical Mass, sono partiti con un corteo colorato con palloncini, corone di fiori hawaiane e cappelli da clown.

bici-kr-U430001232180572VKG-620x413@Corriere-Web-Milano[1]

Un gran successo quindi, tanto che molte scuole hanno deciso di svolgere l’iniziativa ogni venerdì, in barba alle mamme che accompagnano i bimbi col suv…

In Olanda la prima pista ciclabile interattiva dedicata a Van Gogh

crop_1883_GlowingVanGoghFietspadRoosegaarde500_827121499[1]

L’Olanda, quando si parla di piste ciclabili all’avanguardia e di mobilità in generale, è sempre la prima. Dopo il progetto Tecno-autostrada, le autostrade intelligenti più sicure, sostenibili e intuitive di quelle tradizionali grazie a luci interattive, sistemi di ricarica wireless e segnali stradali in grado di adattarsi alle condizioni del traffico e del meteo; adesso a Eindhoven arriva la pista ciclabile interattiva dedicata a Van Gogh con tecnologie simili alle tecno-autostrade con sistemi intelligenti di segnaletica e sicurezza. È questa l’idea del comune di Eindhoven, in collaborazione con lo Studio Roosengaard, per una porzione di 600 metri della pista ciclabile dedicata a Van Gogh nel Brabant, che ripercorre i luoghi in cui il celebre pittore è nato e vissuto.

In particolare i 600 metri interessati da questo progetto coincidono con il percorso in cui Van Gogh ha vissuto tra il 1883 e il 1885. Il percorso sarà arricchito da un design interattivo che ripercorrerà la storia e le opere del pittore olandese attraverso immagini rappresentative della sua carriera, ma presenterà anche una segnaletica orizzontale luminosa sul manto stradale e la segnalazione della scivolosità della strada per ghiaccio o neve. Ma ancora più futuristiche sono le ipotesi di illuminazione: si potranno sperimentare per questo progetto le “pietre luminose”, pietre che di giorno si caricano con la luce del sole e di notte emettono luce, creando oltretutto un effetto poetico che ben si vede in foto.

Il progetto presentato all’inizio di questo mese, dovrebbe essere pronto entro il 2014, quando i 600 metri di pista diventeranno un’attrazione unica nel suo genere. C’è qualcuno che a cui andrebbe di percorrerla? Io ci sto seriamente pensando.

Per il momento, fatevi un’idea del progetto con questo video dimostrativo sulle tecno-autostrade a cui molto si ispirerà la nuova pista. La tecno-autostrada intelligente del futuro – Corriere.it.

Girls Revolution: le donne egiziane rivendicano l'uso della bici

donne-egitto[1]

C’è ancora chi si domanda se usare o non usare fb (purtroppo mi capita ancora di ascoltare certi discorsi…) e c’è chi usa i social network per rivendicare i diritti propri e della comunità. Questo è il caso di Girl Revolution, la campagna online lanciata dalla 22enne egiziana Ghadeer Ahmed, in favore dei diritti delle donne e della loro emancipazione nella società egiziana. Grazie al boom dei social network nel paese nordafricano, la fanpage su fb ha raggiunto quasi 90mila like e proprio nelle scorse settimane è stata lanciata una nuova iniziativa che invita le ragazze ad andare in bicicletta, una pratica non vietata in Egitto come accade in altri Paesi Arabi e non solo, ma si sa alcune volte lo scoglio più grande da superare non sono le leggi ma i pregiudizi basati sulla concezione della bici come mezzo poco femminile e inappropriato per una donna. L’iniziativa intitolata “We will ride bicycles” invita tutte le ragazze a saltare in sella alla bici non curandosi dei giudizi negativi che ne possono scaturire, talvolta anche dalle stesse famiglie delle giovani, ricordando inoltre che andare in bici non è solo un modo per rivendicare la propria autonomia e libertà, quindi un gesto simbolico, ma una pratica utile per motivi anche pratici, come la possibilità di muoversi agilmente nel traffico della capitale, Il Cairo, sempre più congestionata dal traffico motorizzato.

Dopo le numerose richieste delle sostenitrici della campagna, Ghadeer e le altre organizzatrici di Girl Revolution nel mese di ottobre  hanno sfilato in bici per 7 chilometri per le strade del Cairo con un centinaio di giovani. Nonostante i commenti negativi provenienti da una manciata di passanti, la manifestazione ha avuto un discreto successo ed è stata accolta con favore ed entusiasmo.

Solidarietà alle riot grrrl egiziane dall’Eco Punk!

13 ottobre: Giornata del Camminare

manifesto-gdc

Come puoi vivere a testa in giù? Diceva una canzone dei Verdena. Siamo abituati a guardare sempre ciò che sta in alto o in fondo all’orizzonte e prestiamo poco quello che calpestiamo ogni giorno e soprattutto come lo calpestiamo. Scopo di questo post non sono le acrobazie, bensì segnalare un evento che ha a che fare con la mobilità più sostenibile che esista: quella pedonale.

Giunta alla seconda edizione, domenica 13 ottobre si celebra la giornata del camminare organizzata da FederTrek con l’obiettivo di mettere in rete associazioni, enti, comuni e anche singoli che promuovono il camminare come modalità per una trasformazione più lenta e positiva della società, contro il culto della velocità e del “tempo è denaro”, valori dominanti da due secoli e che a mio avviso, si stanno rivelando ormai come obsoleti.

In particolare nel Manifesto del Camminare, FederTrek si propone di attuare le seguenti strategie:

  • promuovere campagne volte a far crescere nelle istituzioni la consapevolezza che è necessario dare al camminare un ruolo strategico nella promozione dei territori, per rimettere in moto economie che rivitalizzino intere comunità e territori altrimenti destinati all’abbandono;
  • impegnarsi in azioni di pressione sociale, nei confronti del governo e di tutti gli enti istituzionali, affinché nei programmi di pianificazione economica vengano destinate maggiori risorse per lo sviluppo della mobilità sostenibile basata sul camminare;
  • proporre a tutte le medie e grandi città italiane la realizzazione di percorsi pedonali, integrati con i servizi di trasporto pubblico, puntando alla realizzazione e alla promozione di nuovi progetti di mobilità cittadina, ispirati ai principi della sostenibilità ambientale, della valorizzazione del territorio e della qualità della vita del cittadino;
  • avanzare proposte legislative nazionali e regionali che diano spazi distinti al volontariato e alle professioni legate al turismo ambientale, in modo da sviluppare una forte sinergia tra i due ambiti oggi spesso in conflitto;
  • difendere il territorio italiano nel suo alto valore paesaggistico, facendosi portavoce di tutti gli escursionisti che ogni giorno osservano, e spesso denunciano i piccoli o grandi danni ambientali che incontrano lungo il loro cammino;
  • promuovere campagne regionali e nazionali sui benefici psico-fisici del camminare in collaborazione con le strutture sanitarie.

Ecco lo spot della Giornata del Camminare 2013 con la colonna sonora dei Modena City Ramblers, autori della canzone “Camminare”.

Le centinaia di iniziative, svolte in contemporanea in tutta Italia, dalle grandi città ai piccoli centri, saranno accomunate dall’obiettivo di rendere consapevoli i cittadini dell’importanza della mobilità pedonale nelle abitudini quotidiane per uno sviluppo economico più armonico e una maggiore qualità della vita di noi tutti.

Scoprite tutti gli eventi e iniziative su www.giornatadelcamminare.org

Dalla Germania, l'autobus elettrico con ricarica wireless alla fermata

PRIMOVE 600X400

In Mobilità sostenibile si sta investendo molto, ma forse mai nessuno avrebbe pensato di ricaricare un autobus elettrico tramite wireless. Ebbene questo è quello che sta accadendo in Germania: due progetti in stato già avanzato, Primove e Wave, e migliaia di modelli già pronti alla prova in strada.

A Mannheim, un centinaio di chilometri a sud di Francoforte, alla fine di quest’anno comincerà a scorrazzare per la città un bus con sistema “Primove” della canadese Bombardier, un progetto presentato in anteprima mondiale il 30 maggio scorso a Ginevra durante la sessantesima edizione dello Uitp, il congresso internazionale del trasporto pubblico. Primove è basato su ricarica a induzione magnetica. L’autobus che la monta si ricarica ad ogni fermata. Qui, sotto l’asfalto, sarà posizionato un magnete della grandezza di un tombino che trasmetterà elettricità ad una batteria posizionata quindici, venti centimetri più in alto. Niente fili, nessuna necessità che ci sia qualcuno a inserire e scollegare cavi, tutto in autonomia. La batteria, dal peso di 1,5 tonnellate, sarà nella parte inferiore dell’autobus e all’autista spetterà solo il compito di fermarsi all’altezza giusta. Dopodiché una piastra magnetica si avvicinerà automaticamente all’asfalto per attingere energia in una manciata di secondi (una decina sono più che sufficienti) con una capacità di 200 chilowattora[1]

L’altro progetto invece intitolato Wave, partirà con un investimento di 2,7 milioni di dollari da parte della Federal Transit Administration, producendo due versioni con potenza di ricarica da 25 kw e 50 kw.

Si calcola che il 2014 sarà l’anno dei mezzi elettrici ad induzione magnetica e in Europa si stanno muovendo soprattutto Germania, Belgio e Svezia. Ma il grosso del business per queste aziende è destinato a concentrarsi sul mercato americano e cinese. La domanda sorge spontanea: quando in Italia?


.