Ricetta Salva Avanzi: Quiche Patate,Rosmarino e Paprika con Esubero di Lievito Madre ðŸ´

12873663_10207796611906602_1443820619_o

Questa ricetta ha 2 fantastici pregi, salvarmi la serata quando non ho voglia e tempo di preparare qualcosa di più elaborato e l’essere una ricetta svuota frigo e salva avanzi, infatti la sfoglia utilizzata per la preparazione è un ottima base per creare altre ricette, con gli avanzi di verdure (rape,broccoli,zucchine e verdure miste) , in più per chi come me cresce e custodisce il Lievito Madre è un ottimo modo per smaltire il suo esubero dopo il rinfresco.

Questa versione vuole essere più leggera ed aromatica, infatti la farina integrale di farro monococco risulta essere molto profumata e digeribile; io ho trovato la mia spacciatrice di farine bio, e inutile dirlo è molto più buona di quella reperibile nella grande distribuzione.

Ingredienti:

Per la Quiche :

  • 100gr di farina di farro monococco
  • 50gr di esubero di lievito madre (di almeno 5giorni)
  •  50gr di farina 0
  •  30gr di olio di oliva
  •  un cucchiaino di sale
  • 100 ml circa di acqua

Per il ripieno :

  • 2 patate medie
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 pizzico di paprika dolce
  • Sale e pepe

Procedimento:

Prendiamo come prima cosa l’esubero di lievito madre e sciogliamolo in 50 ml di acqua; a parte mescoliamo le due farine in una terrina, aggiungiamo il sale ed incorporiamo il lievito madre precedentemente ammorbidito, diamo una prima mescolata e successivamente incorporiamo dapprima l’olio e pian piano la restante acqua (in base alla vostra farina, se più o meno integrale, sarà necessario un quantitativo diverso di acqua, quindi aggiungetela per gradi in base alla consistenza).

Versiamo l’impasto su una spianatoia e lo lavoriamo con le mani, ottenendo un impasto molle ma che non si attacchi alle mani.  Far riposare coperto per 15/20 minuti.

Passiamo al ripieno, mettiamo a marinare in una terrina le patate, tagliate a fettine dello spessore di circa mezzo millimetro, aggiungendo un filo d’olio,il rosmarino, la paprika, il sale ed il pepe; mescoliamo e lasciamo riposare fino a quando l’impasto non sarà pronto.

Prendiamo l’impasto e stendiamolo in una teglia tonda di circa 22 cm, disponiamo le patate accavallandole leggermente tra di loro. Rivestita tutta la sfoglia aggiungiamo un filo d’olio se necessario e inforniamo a 200° per circa 20/30 min con funzione statica.              Tagliare una fetta e GUSTARE.

E anche per oggi gli avanzi e la cena sono salvi!!

12517058_10207796626546968_348451149_o

Taralli di Riso Venere e Finocchietto Selvatico Veg ðŸ´

12736253_10207594205366565_2002300125_n

Buongiorno EcoPunkers,

questa settimana la Puglia incontra la Lombardia!

Abbiamo pensato di rimanere più “leggeri”, sia con la ricetta che con i contenuti, proponendovi una ricetta si originale, ma di facile esecuzione e poco pretenziosa.

Rivisiteremo un classico Pugliese, i Taralli.

La versione light ed EcoPunk infatti prevede l’utilizzo di ingredienti semplici e sani come l’olio d’oliva, la farina di Riso Venere ed il lievito madre ; rendendo i taralli più leggeri, meno glutinici, più proteici e molto saporiti visto il sapore leggermente affumicato e rustico della farina di riso nero.

Ideali se accompagnati da qualche salsina, formaggi o anche mangiati da soli; ancor meglio se con un bicchiere vicino.

L’idea è nata grazie ad un fantastico raccolto di fiori di finocchietto selvatico, raccolti nei campi e a questa particolare farina di riso venere acquistata da una cascina lombarda.

Così ho pensato, perché non portarci avanti per preparare qualche stuzzichino spezza fame, da proporre durante l’aperitivo il prossimo fine settimana?!

Ingredienti:

  • 60gr di Farina di Riso Venere
  • 50gr di Esubero di lievito madre
  • 40gr di Farina 0
  • 50 ml circa d’acqua
  • 2 cucchiai di Olio  Extravergine d’oliva
  • 1 cucchiaino di sale
  • semi di Finocchietto (selvatico se possibile)

Procedimento:

Sciogliamo l’esubero di lievito madre in una ciotola con circa 30 ml d’acqua (il resto ci servirà dopo). In un’altra ciotola mescolare le due farine, il sale ed il finocchietto; aggiungere al centro il misto di lievito madre ed acqua e dare una prima mescolata.

A questo punto aggiungere l’olio continuando ad amalgamare gli ingredienti e piano piano regoliamo la consistenza aggiungendo l’acqua.

L’impasto dovrà risultare leggermente più sodo di un impasto da pizza.

Facciamo riposare 10 min e trascorso questo tempo iniziamo a formare dei salsicciotti con l’impasto, che taglieremo alla lunghezza di circa 5 centimetri.

Ora piegare le due estremità del salsicciotto su se stesse formando il tipico cerchio del tarallo.

Disponiamo su carta forno oleata e cuociamo in formo statico a 200 gradi per 15 min.

E ricordate, se nessuno vi vedrà mangiarli….e finirli… significherà che non è realmente successo 😉

 

 

Muffin verdi con pasta madre e farina di Canapa per dire #italiaNOogm

muffincanapa

Oggi è la giornata di mobilitazione nazionale per ribadire un No forte e chiaro alle coltivazioni Ogm, in vista della prossima sentenza del 9 aprile, in cui il Tar si pronuncerà sul ricorso presentato da un agricoltore friulano contro il decreto interministeriale del luglio 2013 che vieta la semina del mais MON 810. Le ragioni del no riguardano il benessere ambientale, la salute umana e animale e la prosperità della nostra economia, perchè a questo punto ci sarebbe da domandarsi quali sono i vantaggi degli Ogm in Italia.

Il nostro paese fonda la propria prosperità non sull’omologazione ma sulla specificità e diversità delle produzioni che costituiscono l’identità del nostro patrimonio agroalimentare. Gli Ogm non beneficerebbero il singolo agricoltore che avrebbe un peso ancora più esiguo nelle filiere agroalimentari, sempre più controllate da poche multinazionali, e vedrebbe i suoi redditi ulteriormente penalizzati (vedi negli Usa e non solo). Dal punto di vista economico e sociale, gli unici soggetti in grado di ottenere profitti notevoli dal transgenico sono le multinazionali che registrano i brevetti delle sementi Ogm a scapito della nostra varietà locale e autentica.

Per questo oggi è importante far sentire la propria voce, postando e condividendo i nostri piatti sani, genuini e liberi da Ogm o anche solo con il tweet #italiaNoogm. L’Eco Punk dice la sua con una ricetta assolutamente originale e con un ingrediente naturale per eccellenza, la Pasta Madre, e un altro innovativo, di cui vi ho già parlato in settimana: la farina derivata dalla macinazione dei semi della Canapa, un alimento sano ricco di omega 3 e 6 (in concentrazioni che si trovano solo nel pesce), ideale per i dolci “non troppo dolci” come piaccono a me, che sostituisce 1/3 della farina totale in quasi tutte le preparazioni culinarie. La farina che ho usato per questi deliziosi muffin, l’ho acquistata in un negozio bio di Barletta e proviene da un’azienda agricola pugliese distante 100 km; preciso questo non per fare pubblicità, ma per mostrare come il Sud Italia e in particolare la Puglia, si stanno muovendo per riprendere la coltivazione della Canapa, una via d’uscita alla crisi economica che potrebbe rimettere in sesto l’intero sistema e forse anche ribaltarne i (dis)equilibri economici.

Detto questo passiamo al fare.

RICETTA (per 10 muffin circa):

200 gr di pasta madre,
3 uova,
180 gr di zucchero di canna,
125 gr di olio di semi di girasole spremuto a freddo,
100 gr di latte di riso,
350 gr di farina, di cui  230 di farina 0 e 120 gr di farina di canapa,
1 cucchiaino di miele

PREPARAZIONE

-Mescolate le farine in una ciotola;

-Sciogliete la pasta madre nel latte, aggiungendo il cucchiaino di miele e 150 gr di farina totale e ottenendo un impasto molto appiccicoso che lascerete riposare per un’ora circa in una ciotola abbastanza capiente;

-Trascorso il tempo necessario, prendete la ciotola e aggiungete tutti gli altri ingredienti e mescolate con l’aiuto di un frullino. Verrà fuori un composto abbastanza scuro e melmoso, tanto da sembrare fango, ma non preoccupatevi… Lasciate lievitare per 4 ore;

impastomuffins

-Trascorse 4 ore, mettete un cucchiaio di impasto negli stampini, aggiungete 2 cucchiaini di marmellata a vostro piacimento (io ho usato quella ai frutti di bosco) al centro di ogni stampino e poi ricoprite il tutto con l’impasto, in modo da creare un tenero cuore di marmellata. Riponete gli stampini nel forno spento e lasciate riposare per un’altra ora.

-A questo punto infornate a 180° per 20 minuti.

-Lasciate raffreddare per 5 minuti e poi aggiungete lo zucchero a velo.

Il risultato è quello che vedete nella foto in alto e, ad essere sinceri, mi sono commossa quando ho sfornato questi dolci gonfi e verdi che fino a poco tempo prima sembravano fango… L’impasto e i tempi di cottura sono perfetti, i muffin erano pieni di alveoli, insomma questo esperimento con la pasta madre e la farina di canapa mi è riuscito davvero bene e per questo l’ho scelto come simbolo ecopunk alla mobilitazione contro gli Ogm.

E voi come dite la vostra? Non mi sento nazionalista, ma se c’è qualcosa che voglio difendere è sicuramente l’agricoltura italiana e la cucina annessa che fanno parte del nostro patrimonio culturale invidiato da tutto il mondo.

Basta un semplice tweet. #italiaNOogm per difendere la nostra economia e non farci impoverire dalle multinazionali. Siate sempre consumatori critici.

Focaccia con lievito madre e semola integrale Sen. Cappelli

Ho ascoltato l’intero album Backspacer, 2009 – Pearl Jam

Genere: Grunge, Alt Rock

focaccialievitomadre

Io e Clementina ce l’abbiamo fatta! È stata dura, abbiamo fatto un viaggio lungo 900 km, vari rinfreschi, un lungo procedimento, la sveglia alle 8 di mattina dopo essere tornata a casa alle 4, ma alla fine il primo obiettivo è stato raggiunto: la focaccia! Dopo aver consultato miliardi di ricette con lievito madre, ho dato fiducia a Gaia, una disponibilissima e simpaticissima blogger conterranea che, dopo aver chiacchierato per mezz’ora al telefono, mi ha dato le istruzioni sul da farsi e quindi ho seguito la ricetta sul suo blog Il gaio mondo di Gaia, con le dosi triplicate per sei persone e utilizzando la semola di grano duro integrale Senatore Cappelli che avevo in casa.

Le aspettative non mi hanno delusa e anche i commensali hanno parecchio gradito: è venuta fuori una focaccia morbidissima, con tante bolle, digeribile e sicuramente dal gusto più sano e genuino. Il tipo di impasto, il tipo di forno o di tegame, la temperatura dell’ambiente casalingo, sono tutti fattori che influiscono sulla riuscita della ricetta, quindi andate un pò ad occhio e basatevi un pò sull’esperienza. Bene, non perdiamo altro tempo, impastiamo!

RICETTA (per 6 persone):

600 gr di farina 0

300 gr di semola integrale Sen. Cappelli

300 gr di lievito madre rinfrescato

750 gr di acqua

6 cucchiai d’olio d’oliva

1 cucchiaio di sale

Per il condimento:

700 gr di pomodori

olive nere e origano a piacimento

PREPARAZIONE:

-Per prima cosa il rinfresco che dipende dal tipo di pasta. Clementina è solida e quindi l’ho rinfrescata con il totale del suo peso con farina e la metà di acqua (es. Clementina era 100 gr circa, quindi ho utilizzato 100 gr di farina 0 e 50 gr di acqua tiepida e ho impastato fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo). Dato che avevo intenzione di mangiare la focaccia il giorno dopo a cena, ho rinfrescato alle 22 (lasciando un pezzo in frigo, quello che poi diventerà il lievito perpetuo) e l’ho lasciata lievitare tutta la notte a temperatura ambiente, ma solitamente bastano 4 ore ad una temperatura di 20° circa e la pasta madre è pronta per l’utilizzo.

-La mattina successiva sveglia alle 8 per impastare, seguendo fedelmente la video-ricetta di Gaia.

-Dopo i vari procedimenti, mi sono trovata un impasto morbido come quello che vedete in foto e che ho lasciato crescere per 9 ore coperto con una pellicola, in un luogo riparato e lontano da correnti d’aria (inutile dirvi quante volte sono andata a guardarlo…).

impastofocaccia

-Passate le 9 ore, erano le 17.30. Ho preso l’impasto e senza troppo bistrattarlo, l’ho diviso in tre parti, distribuito in tre teglie abbastanza oleate (un pezzo di pasta per ogni teglia) e messo a lievitare in forno spento per un’altra ora.

-Ore 18.30. Ho tirato fuori dal forno le teglie e le ho condite con i pomodori, le olive nere e l’origano.

-Ho infornato le tre teglie condite alle 19 a 240° per 15-20 min e poi a 220° per altri 20 min (i tempi dipendono dal tipo di forno). Alle 20.30 le focacce erano pronte per essere mangiate, finalmente…

focacciapugliese

Appena messe a tavola, le abbiamo divorate, accompagnate da mortadella, provolone piccante e tanta birra…

Un ringraziamento ancora a Gaia e ai Pearl Jam per la carica, ora è arrivato il momento per me e Clementina di andare da sole nel magico mondo della panificazione. A presto altre ricette.

Vi presento Clementina, la mia pasta madre!

pastamadre

Eccola qui, l’ho anche incorniciata. Vi presento Clementina, la mia pasta madre! E’ stata creata dagli spacciatori di pasta madre che gentilmente l’hanno donata a me e agli altri presenti al Pasta Madre Day alla Factory di Cormano (MI). Per me sabato scorso è stato un giorno di festa perché ho colto l’occasione di una splendida giornata di sole, ottima per passeggiare, assaggiare, acquistare i prodotti del mercato agricolo circondato dal Parco dell’Acqua e seguire il laboratorio sulla pasta madre. Da tempo volevo cominciare ad usarla, ma puntualmente rimandavo sapendo che mi avrebbe richiesto tanto impegno, ma finalmente sabato mi sono decisa a prenderla!

Per chi ancora non lo sapesse, la pasta madre o lievito naturale o pasta acida è un impasto di acqua e farina arricchito con lieviti e fermenti lattici che sono presenti sia nell’aria che in alcuni prodotti naturali. Il lievito naturale si ottiene con un processo di fermentazione naturale grazie ai batteri contenuti nell’aria di casa e per accelerare il processo si possono utilizzare vari componenti: c’è chi usa il miele, chi la frutta, chi lo yogurt, c’è solo da provare.

E quindi eccomi qui con la mia pasta a cui ho dato il nome di Clementina (ad ogni pasta madre si dà un nome) perchè dopo il primo rinfresco, l’ho fatta lievitare accanto a dei clementini ed è cresciuta in maniera esponenziale; inoltre Clementine è la protagonista dai capelli punk di un film che adoro, quale Se mi lasci ti cancello, il nome quindi mi è sembrato più che adatto.

Quella che vedete in foto è Clementina dopo due rinfreschi e devo dire che cresce bene, pronta per essere spacciata a volenterosi panificatori sostenibili e per questo motivo, mi sono subito iscritta alla Comunità del Cibo Pasta Madre e ho chiesto di essere inserita fra gli spacciatori.

volantino+comuntia%25CC%2580+del+cibo[1]

Attendendo il mio inserimento (sul sito c’è scritto che possono passare dei giorni), ho deciso di inserire il banner “io spaccio” che potete vedere sulla destra della mia homepage e nel frattempo continuo a nutrire e amare Clementina. Da sabato scorso sarà sempre con me, nella gioia e nel dolore, in qualsiasi parte mi trovi, pronta per sperimentare tante nuove ricette.

Da buona pugliese quale sono, il primo esperimento sarà la focaccia con lievito madre e la semola di grano duro Senatore Cappelli. Per chi invece vuole mettere le mani in pasta, non esiti a contattarmi e sarò lieta di spacciare pasta madre.

Stay tuned…