Mini Cheesecake ai Mirtilli – gluten free ðŸ´

image.jpeg

Arrivata l’estate, addio dolci super calorici e cioccolatosi, è tempo di dolci coccole fresche e leggere.

Una domenica in famiglia mi ha ispirato questa ricetta Gluten Free e sana, delle mini cheesecake, belle da vedere, presentare e buonissime da mangiare.

Super apprezzate anche da chi non è abituato a sperimentare e predilige i sapori più classici, il papà, il nonno, la suocera anzi molto probabilmente vi chiederà la ricetta 🙂

Hanno un grandissimo pregio, se riuscirete a non mangiarle tutte potrete conservarle anche in congelatore per averle pronte all’uso; basterà toglierle da congelatore 4 ore prima.

P- r-o-v-a-t-e-l-e , non ve ne pentirete!

 

Ingredienti

  • 250gr farina di ceci tostata
  • 80gr di zucchero
  • 1 cuc di cacao
  • 3 cuc di olio
  • 300 ml d’acqua

 

  • 100 gr di formaggio spalmabile light
  • 250 gr di ricotta
  • 5 cucchiai di zucchero integrale
  • 1cucchiaino di estratto di vaniglia

A parte
1 vaschetta di mirtilli,mezzo bicchiere d’acqua, 1 cucchiaio colmo di zucchero integrale per creare il topping o in alternativa marmellata di mirtilli.

 

Procedimento:

Tostata e pesata la farina di ceci, lasciamo raffreddare e trasferiamo in una ciotola. Mettiamo in un pentolino l’acqua e quando arriverà a bollore abbassiamo la fiamma aggiungendo poi prima la farina di ceci e successivamente zucchero e cacao e  l’olio. Con un cucchiaio di legno mescoliamo ben bene finché non si formerà la palla d’impasto, a questo punto trasferiamo su una spianatoia e lasciamo raffreddare 10 min prima di lavorare nuovamente l’impasto per renderlo più omogeneo. Stendiamo l’impasto con il matterello e con l’aiuto di un coppa pasta ricaviamo dei cerchi di impasto da riporre negli stampini (ance quelli da muffin andranno più che bene). Inforniamo a 180 gradi per 15/20 min.

Mentre aspettiamo che le basi delle nostre cheesecake si cuociano passiamo alla farcitura; basterà riporre tutti gli ingredienti in una ciotola ed amalgamarli ben bene, con uno sbattitore a velocità bassa per non smontare i formaggi o ancora meglio con la cara e vecchia forchetta 🙂 riponiamo in frigo fino alla farcitura.

Per il topping ai mirtilli riponiamo acqua zucchero e mirtilli in un pentolino e cuciamo finché la salsa non sia addensa, a fuoco medio ci vorranno circa 10 min.

Quando saranno pronte le nostre basi, lasciamo raffreddare e successivamente con l’aiuto di un cucchiaino o una saccapoche, farciamo le nostre basi.

Guarniamo il tutto con la nostra salsa ai mirtilli e una foglia di menta.

Far riposare in frigo per 1 ora.

Buon Appetito!!

🙂

Tofu Burmese Speziato

 

image
Sempre presenti con il nostro appuntamento nella cucina dell’EcoPunk, questa volta vogliamo proporvi un’ alternativa economica, semplice, biologica, autoprodotta e non Ogm al classico Tofu di soia.
Buonissimo, più delicato del tofu tradizionale e anche per questo forse riuscirete a convincere anche chi di tofu non ne vuole neanche sentir parlare.
Su le maniche e a lavoro!!
Ingredienti:
  • 1tazza di farina di ceci
  • 1+1e1/2 tazze di acqua
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 1/2 cucchiaino di curry e curcuma
  • 1 di erba cipollina fresca
  • ed aromi freschi a piacere (io ho aggiunto basilico e rosmarino)
Il procedimento è veramente semplice 10 min e non ci penserete più…o meglio..continuerete a pensarci solo perché non vedrete l’ora di mangiarlo 🙂
In una ciotola mettiamo la farina e 1 tazza di acqua più tutti gli aromi e il sale e con una forchetta iniziato a mescolare creando una pastella liscia. A parte avremo messo a bollire 2 tazze di acqua; quando sarà arrivata a bollore abbassiamo la fiamma e uniamo la pastella preparata in precedenza. Ora così come accadrebbe per una besciamella, continuando a mescolare, noterete che il tutto inizierà ad addensarsi, bene! Quando sarà abbastanza denso possiamo spegnere e mettere la crema in un contenitore precedentemente oleato (così che sia più semplice estrarlo successivamente).
Riponiamo in frigo per almeno 5 ore ma se possibile vi consiglio di lasciarlo tutta la notte così si insaporirà meglio. image
Una volta tirato fuori dal vostro stampino sarà pronto per essere gustato così al naturale, in un insalata ad esempio, farlo alla griglia, condirlo con qualche salsina (ad esempio una salsina ai pomodori secchi o majo di avocado) o ancora utilizzarlo per farcire torte salate e panini.
image
Vi è piaciuta l’idea?
Noi ci vediamo la prossima settimana ma intanto proseguiamo i nostri ascolti musicali con Electric dei The Cult

#Mercoledìveg: biscotti con farina di ceci e mandorle

biscotticeciecopunk

Perdonatemi se non sempre riesco a postare una ricetta vegana ogni mercoledì, spero infatti che anche se non seguite fedelmente l’iniziativa, mangiate vegano almeno una volta a settimana (sarebbe buono anche due o tre volte a settimana). Bando alle chiacchiere, passiamo al cibo e stavolta propongo la ricetta di biscotti di farina di ceci e mandorle dell’ecopunker Felicia che ho subito provato. Il risultato? Prima mani in pasta!

Ricetta

300 gr di farina di ceci
80 gr di olio di semi di girasole spremuto a freddo (potete mettere anche metà di girasole e metà di oliva)
80/100 ml di acqua
20 gr di mandorle a pezzetti
100 gr di zucchero di canna
1/2 cucchiaino di cannella (anche meno)

-Tostate la farina in una padella a fuoco basso, mescolandola continuamente per 10 minuti, aspettando che diventi dorata e molto profumata.

-Setacciate la farina, unite lo zucchero e la cannella e amalgamate con un cucchiaio di legno.

-A questo punto si può unire la miscela di acqua e olio fino ad ottenere un impasto non molto duro.

-Fatto riposare per 10 min, stendete l’impasto con 1/2 cm di spessore e formate dei biscotti con un bicchiere o con delle formine.

-Infornate per 10-15 minuti a 180°, fino a quando i biscotti saranno dorati ed asciutti ma ancora morbidi,induriranno non appena freddi.

Sono davvero buonissimi con quel sapore un po’ rustico, facili da fare e ipocalorici. Sono perfetti per accompagnare tè, latte, caffè.

E voi cosa mangiate durante il vostro giorno veg? Si accettano condivisioni di ricette e se fate questi biscotti, fatemi sapere.

Farifrittata vegana con borragine

farifrittataborragine

Fari? Farifrittata! E’ la versione vegana della frittata, dove viene utilizzata la farina di ceci anziché le uova, senza latte o formaggi. Semplicissima da preparare e con pochi ingredienti, l’unica accortezza che dovreste avere sta nella cottura che può avvenire nel forno o in padella, stando attenti che non si attacchi sul fondo del tegame. La si può arricchire con ortaggi di stagione, spezie e erbe aromatiche e io ho scelto la borragine appena colta, acquistata ad un mercato delle autoproduzioni. Vediamo insieme da vicino le sue proprietà.

La borragine

Pianta erbacea spontanea con foglie ovali ellittiche, picciolate, che presentano una ruvida peluria, verdi-scure raccolte lunghe 10-15 cm. L’uso tradizionale è allo stato cotto delle foglie (così perdono la peluria), che vengono utilizzate in molti piatti regionali per minestroni e ripieni di pasta. La borragine viene ritenuta depurativa, diuretica e disintossicante; tuttavia, per il suo contenuto in alcaloidi tossici, non dovrebbe essere utilzzata né a scopo curativo, né come infuso, succo o tintura madre e neanche nelle insalate perché potrebbe intossicare il fegato.

Della pianta si usano soprattutto i semi, che sono la fonte di un olio contenente acidi grassi insaturi, alcaloidi e flavonoidi e per questo usato in eco-cosmesi per il suo alto potere emolliente ed idratante (al pari dell’olio di oliva, di argan o canapa) adatto alle creme antirughe o per pelli molto secche e con qualche allergia.

Ricetta

150 gr di Farina di Ceci
700 gr di borragine
200 gr di acqua (meglio se frizzante)
1/2 Cipolla
Un pizzico di bicarbonato
100 gr di Olio di Oliva
Sale
Pepe

Preparazione

-Lessate la borragine in abbondante acqua salata. Scolatela e fatela raffreddare.

-In una ciotola metteteci la farina di ceci e l’acqua mescolando velocemente, aggiungendo 3 cucchiai di olio, il sale, il pepe e il bicarbonato fino a quando avrete un impasto tipo quello della crema pasticcera. Lasciatelo riposare per mezz’ora.

-In una padella antiaderente fate soffriggere la cipolla con due cucchiai di oliva e aggiungete la borragine. Fate insaporire per cinque minuti, spegnete il fuoco e fate raffreddare.

-Aggiungete nella ciotola con la farina, la borragine e mescolate.

-Riprendete la padella e fate scaldare due cucchiai di olio, quindi versatevi il composto e cuocete per qualche minuto con il coperchio. Quindi rivoltate la frittate con un coperchio e cuocete l’altro lato.

A me è piaciuta tantissimo. E voi che verdura utilizzereste?

 

Spalmati di verdura e farine a Bio&Sisto

laboratorioecocosmesi

Eccomi di nuovo a parlare di ecocosmesi davanti ad una quindicina di persone interessatissime a Bio&Sisto. Nonostante il tempo incerto, siamo riusciti a farci una bella chiacchierata circondati dalla splendida campagna dell’azienda agricola a Tortorella, Monopoli, una terra che io adoro particolarmente e che ho sempre il piacere di tornare a visitare.

Partendo dalle basi di eco-cosmesi come la lettura dell’Inci, il Biodizionario, le differenze fra un cosmetico naturale ed uno biologico e i vantaggi dall’autoproduzione, siamo passati all’azione creando cosmetici per il viso con alcune materie prime direttamente raccolte da Bio&Sisto. Abbiamo creato il classico sapone con la buonissima farina di ceci di Perniola, un latte detergente basico con yogurt e miele e infine la maschera viso stagionale con i caroselli, un ortaggio simile al cetriolo ma che in realtà, sono dei meloni acerbi e quindi conserva le proprietà astringenti, purificanti, rinfrescanti sia del melone che del cetriolo.

Dopo il laboratorio, aperitivo con i buonissimi prodotti di Bio&Sisto, come pane con i semi, taralli alle spezie, composte di peperoni, melanzane, zucchine, angurie e meloni e poi gli spaghetti di zucchine crudi fatti dalla Sig. Bio&Sisto. Inutile dirvi che sono tornata a casa con la spesa e non vedo l’ora di cucinare e mangiare i piatti con i loro prodotti.

Grazie ai disponibilissimi signori Bio&Sisto e ai partecipanti che mi hanno dato così tanta fiducia. Ci vediamo alla prossima.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Pelle mista? Prova il sapone alla farina di ceci

farina

La farina di ceci si ottiene dalla macinazione dei ceci essiccati. Si tratta di una farina a base di legumi priva di glutine e versatile per quanto riguarda i possibili impieghi in cucina e non solo, in cosmetica viene utilizzata sia per il corpo che per i capelli. Essa è inoltre ricca di proprietà benefiche e presenta un buon contenuto di proteine vegetali e di sali minerali come ferro, calcio, fosforo. Possiede proprietà terapeutiche infatti, questi legumi sono ricchi di saponine, utilissime per diminuire i livelli di colesterolo nel sangue e acontatto con l’acqua permettono la formazione di un detergente delicato e completamente ecologico.

Con la farina di ceci ho autoprodotto il mio primo sapone per il viso, adatto a chi ha una pelle mista. Un detergente, purificante, utilizzato due volte a settimana riequilibra il sebo contenuto nella pelle del viso, inoltre l’amido di riso e il miele rendono la pelle morbidissima.

Ecco qui la bio-ricetta, economica, semplice e con ingredienti facilmente reperibili in tutti i supermercati:

– 2 cucchiai di farina di ceci

– 2 cucchiai di farina di mais (quella per polenta) o granturco

– 2 cucchiaini di miele

– 2 cucchiaini di amido di riso in polvere

– 4 cucchiaini di acqua

Mescolate le farine con il miele e l’amido di riso e poi aggiungere l’acqua un pò alla volta, fino a quando otterrete un composto cremoso e senza grumi. Applicare sulla pelle umida e massaggiare per un paio di minuti, sciacquare con una spugnetta e poi passare il tonico viso. Il composto può essere conservato in frigorifero per un paio di giorni. Vedrete che pelle liscia e pulita!

La farina di ceci può essere utilizzata anche per produrre uno scrub aggiungendo acqua, zucchero di canna e olio vegetale a scelta. Oppure ancora al naturale sui capelli bagnati al posto dello shampoo, otterrete una chioma pulita e lucente.

Spero vi piaccia, alla prossima.