Mini Cheesecake ai Mirtilli – gluten free ðŸ´

image.jpeg

Arrivata l’estate, addio dolci super calorici e cioccolatosi, è tempo di dolci coccole fresche e leggere.

Una domenica in famiglia mi ha ispirato questa ricetta Gluten Free e sana, delle mini cheesecake, belle da vedere, presentare e buonissime da mangiare.

Super apprezzate anche da chi non è abituato a sperimentare e predilige i sapori più classici, il papà, il nonno, la suocera anzi molto probabilmente vi chiederà la ricetta 🙂

Hanno un grandissimo pregio, se riuscirete a non mangiarle tutte potrete conservarle anche in congelatore per averle pronte all’uso; basterà toglierle da congelatore 4 ore prima.

P- r-o-v-a-t-e-l-e , non ve ne pentirete!

 

Ingredienti

  • 250gr farina di ceci tostata
  • 80gr di zucchero
  • 1 cuc di cacao
  • 3 cuc di olio
  • 300 ml d’acqua

 

  • 100 gr di formaggio spalmabile light
  • 250 gr di ricotta
  • 5 cucchiai di zucchero integrale
  • 1cucchiaino di estratto di vaniglia

A parte
1 vaschetta di mirtilli,mezzo bicchiere d’acqua, 1 cucchiaio colmo di zucchero integrale per creare il topping o in alternativa marmellata di mirtilli.

 

Procedimento:

Tostata e pesata la farina di ceci, lasciamo raffreddare e trasferiamo in una ciotola. Mettiamo in un pentolino l’acqua e quando arriverà a bollore abbassiamo la fiamma aggiungendo poi prima la farina di ceci e successivamente zucchero e cacao e  l’olio. Con un cucchiaio di legno mescoliamo ben bene finché non si formerà la palla d’impasto, a questo punto trasferiamo su una spianatoia e lasciamo raffreddare 10 min prima di lavorare nuovamente l’impasto per renderlo più omogeneo. Stendiamo l’impasto con il matterello e con l’aiuto di un coppa pasta ricaviamo dei cerchi di impasto da riporre negli stampini (ance quelli da muffin andranno più che bene). Inforniamo a 180 gradi per 15/20 min.

Mentre aspettiamo che le basi delle nostre cheesecake si cuociano passiamo alla farcitura; basterà riporre tutti gli ingredienti in una ciotola ed amalgamarli ben bene, con uno sbattitore a velocità bassa per non smontare i formaggi o ancora meglio con la cara e vecchia forchetta 🙂 riponiamo in frigo fino alla farcitura.

Per il topping ai mirtilli riponiamo acqua zucchero e mirtilli in un pentolino e cuciamo finché la salsa non sia addensa, a fuoco medio ci vorranno circa 10 min.

Quando saranno pronte le nostre basi, lasciamo raffreddare e successivamente con l’aiuto di un cucchiaino o una saccapoche, farciamo le nostre basi.

Guarniamo il tutto con la nostra salsa ai mirtilli e una foglia di menta.

Far riposare in frigo per 1 ora.

Buon Appetito!!

🙂

Ricette Stagionali Veloci: Hamburgher di Piselli e Chia ðŸ´

image

Si ritorna con una ricetta stagionale, fresca e veloce.

Un modo alternativo per utilizzare i piselli, dolcissimi e tenerissimi che si trovano in questo periodo al mercato, motivo per il quale consiglio di utilizzarli quasi crudi, solo leggermente sbianchiti in acqua bollente.

Parliamo un po’ della Chia, sapere di cosa di tratta e come è possibile utilizzarne i semi?

I semi di chia sono ricavati da una specie vegetale denominata Salvia Hispanica, particolarmente ricca di calcio sono presenti in modo bilanciato anche gli acidi grassi essenziali omega3 e omega6.

Ma contengono anche Vitamian C (in quantità maggiore rispetto alle arance), Potassio, Ferro, Zinco e Magnesio. Gli Antiossidanti, presenti all’interno di essi in quantità 4 volte superiore rispetto ai mirtilli.

Può essere utilizzata come arricchimento dei nostri piatti, sia dolci che salari, per renderli più bilanciati o come ingrediente legante (come ad esempio in questa ricetta) in quanto il gel presente nei semi di chia può essere utilizzato come sostituto delle uova.

Ma non tralasciamo i Piselli, ecco qualche informazione nutrizionale riguardante loro.
Rispetto ad altri legumi i piselli contengono più acqua (fino all’80 per cento) ma meno proteine vegetali (intorno al 5,5), fibre (circa il 6,3) e carboidrati (intorno al 6,5). Nonostante la quantità di fibre non sia elevatissima rispetto ad altri semi della stessa famiglia, è comunque abbondante e soprattutto è sufficiente ad aiutare l’intestino, è quindi utile in caso di stitichezza. L’estrema scarsità di grassi li denota come adatti nelle diete ipocaloriche (i piselli secchi però contengono molte più calorie di quelli freschi); possiedono inoltre importanti proprietà diuretiche.
La ricchezza di questi piccoli legumi sta nella quantità di acido folico che contengono, insieme ad altre vitamine, tra cui spicca la C, e ai minerali, soprattutto potassio, seguito da magnesio, ferro e calcio, presenti principalmente nei baccelli, che possono essere utilizzati per preparare brodi di verdure.
La presenza di purine li rende controindicati in casi di gotta e per gli iperuricemici; la cottura è necessaria per poterli digerire, poiché crudi contengono sostanze antidigestive.

Passiamo alla ricetta, pronti con…

Ingredienti

  • 300gr di piselli sbianchiti in acqua salata e frullati
  • 2 patate bollite e schiacciate
  • 2 cucchiai di semi di Chia ammorbiditi nell’acqua (così si formerà il gel)
  • 1/2 cucchiaino di paprika1/2 cucchiaino di erba cipollina
  • 1 rametto di timo (meglio se limoncino)
  • Sale e pepe
  • Pan grattato qb

Preparazione

Prendiamo i nostri piselli frullati, uniamo i semi di Chia e iniziamo ad amalgamare, aggiungiamo quindi spezie e aromi, le patate ed impastiamo. A questo punto aggiungere man mano il pan grattato per migliorare la consistenza.
Dovrà risultare ben lavorabile.
Formiamo i nostri Burger, o perché no, delle polpettine o 1 polpettone.
Impaniamo ben bene l’esterno con pan grattato e con l’aiuto di un pennello cospargiamo con olio di oliva (giusto un velo per la doratura).
Cuociamo gli Hamburger in padella finchè non saranno sufficentemente sodi e compatti.
In alternativa cuocere in forno a 190′ per 30 min.

Buon Appetito!

Autoproduzioni cosmetiche con i fiori spontanei: l’oleolito di malva e calendula

oleolito_lecopunk

Vi ricordate la raccolta di piante e fiori spontanei in occasione dell’Earth Day? Dopo avervi mostrato papaveri, calendula, tarassaco e malva taccolti sulla Murgia pugliese, in particolare ai piedi di Castel del Monte; in tanti ci avete chiesto cosa avremmo fatto della raccolta. Bene, il tarassaco è stato stufato e consumato il giorno dopo accompagnato da focaccia semintegrale fatta in casa; i papaveri sono finiti in un infuso per una tisana della buonanotte (il cosidetto “papagno” per far dormire i bambini, in questo caso abbastanza cresciuti…) e la malva e la calendula? Sott’olio di oliva rigorosamente made in Puglia!

L’oleolito è un preparato molto utilizzato in ecocosmesi che, come già scritto, altro non è che la macerazione della cosiddetta droga in olio a vostra scelta; in questo caso ho utilizzato olio di oliva, un olio abbastanza pesante che ben si sposa con le proprietà di malva e calendula. Dopo 20 giorni dalla messa sott’olio al buio, si filtra in un barattolo di vetro pulito e completamente asciutto ed è pronto all’utilizzo. Il cosmetico ottenuto possiede proprietà lenitive, emollienti, antinfiammatorie, antispasmodiche, cicatrizzanti. Vediamo insieme i vari utilizzi:

  • puro come olio dopobagno per i neonati, olio intimo, olio lenitivo per il corpo in caso di pelle molto irritata;
  • in aggiunta a dei preparati come la Crema solare protettiva, Lozione dopobarba, Gel Doposole, Pomata all’ossido di zinco per le irritazioni di varia natura, l’Unguento post puntura di zanzare e insetti vari, sempre durante la fase oleosa;
  • come base per un olio repellente per le punture di insetti a cui andrete ad aggiungere l’olio essenziale di citronella e tea tree o per un olio contro le irritazioni in generale a cui aggiungerete l’olio essenziale di tea tree, lavanda, camomilla.

Come vedete è un oleolito abbastanza versatile e molto utile soprattuto in vista dell’estate. E voi come lo utilizzate?

Ricette Stagionali: La Rucola ðŸ´

image

Non amata da tutti, amara, piccantina, ognuna di queste piantine ha la sua peculiarità, stiamo parlando della Rucola.

La rucola, rughetta o anche ruca, è antitumorale, antidiabetica e antianemica.  Contiene ben 110 mg di vitamina C in 100 gr come i broccoli, e più del succo di limone che ne contiene 50 mg, che stimola il sistema immunitario e discrete quantità di betacarotene (protovitamina A: anticancerogena, utile alla vista, alla pelle…), oltre che sali minerali come il ferro (antianemico), il calcio e il magnesio, utili per la salute delle ossa, ma anche potassio e fibre. ha fra i suoi componenti anche la K, la A, la B5 e l’acido folico. E’ importante ricordare che la vitamina C aumenta l’assorbimento del ferro e qui ci sono entrambi, in buone quantità.
Fornisce 30 calorie per 100 grammi.

Le Proprietà:
– Aiuta la digestione, stimolando la produzione di succhi gastrici.
– Stimola l’appetito, col suo sapore amarognolo.
– E’ depurativa .
– Antidiabetica e antitumorale per il suo contenuto in sulforafano.
– E’ antibatterica, sempre per il contenuto in sulforafano, sostanza che aiuta la pianta a difendersi da vermi e funghi e che sull’uomo ha effetto anti-cancro.
– Protegge la mucosa gastrica quindi è un utile alleato in caso di iperacidità e ulcera.

r0

È possibile raccogliere la Rucola spontanea nei campi dal centro al sud Italia.

Ora passiamo ad una ricetta veloce, un pesto fresco e depurativo adatto per condire la pasta o utilizzato come patè per le bruschette.

Pochi ingredienti ma risultato assicurato, come la tradizione culinaria italiana ci racconta.

Ingredienti:

  • 50gr di Rucola
  • 15gr di pinoli tostati
  • 5 pomodori secchi (ammollati)
  • 20gr di parmigiano
  • olio, sale, pepe.

 

Procedimento:

Lavare la Rucola, lasciarla asciugare e disporla nel mixer direttamente con pinoli, pomodori secchi, parmigiano sale e pepe, iniziare a frullare ed aggiungere piano piano l’olio per regolare la consistenza.

Con queste quantità uscirà pesto necessario a condire 5/6 piatti di pasta. Se in eccesso può essere congelato e conservato per un paio di mesi.

Questa e tante altre erbe spontanee sono ad attenderci nei campi, staccare dalla frenesia cittadina e recarsi a raccoglierle gioverà sia al vostro spirito che alla vostra salute.

 

Muffin Salati Integrali con Zucchine e Rosmarino ðŸ´

13014925_10208087109248854_2083930687_n

 

Ben ritrovati EcoPunkers,

oggi altra ricetta veloce, primaverli ed adatta alle scampagnate per questo week-end.

Prepareremo dei Muffin Salati con Zucchine e Rosmarino, vegan, infatti non utilizzeremo ne burro ne uova, il che li rende anche più leggeri ed adatti a chi ha intolleranze 😉

Io ho utilizzato le zucchine recuperate a fine mercato e che avevano bisogno di essere smaltite il prima possibile ma largo spazio alla fantasia, sarebbero buonissimi anche con asparagi, peperoni, pomodori secchi, provate.

 

Ingredienti :

  • 150g farina integrale
  • 100g farina 00
  • 40/50ml latte vegetale
  • 40ml olio d’oliva
  • lievito per dolci non vanigliato
  • 1/2 cuchiaino di curcuma
  • 1 zucchina grande
  • 1 rametto di rosmarino
  • sale & pepe qb

Procedimento:

Il primo passo è quello di preparare le zucchine, le laviamo e tagliamo con il lato grosso della grattugia, quando saranno pronte, mettiamo un filo d’olio in padella e aggiungiamo le zucchine, sale, pepe e il rosmarino, lasciamo soffriggere con coperchio  a fiamma media per 6/7min, dovranno dorarsi ed insaporirsi ma non dovranno essere del tutto cotte.

Ora passiamo all’impasto: versare la farina insieme all’olio d’oliva, il latte vegetale, il sale,la curcuma e anche il lievito amalgamando gli ingredienti, con una frusta o una forchetta, fino a ottenere un composto omogeneo e liscio e successivamente aggiungere le zucchine precedente cotte e tiepide, se il composto dovesse risultare troppo solido aggiungete un po’ di latte. A questo punto siamo pronti per riempire i nostri pirottini, io preferisco usare quelli di silicone, pratici da usare e riusare all’infinito. Cottura 180 gradi per 20/30 min, dovranno risultare ben dorati; ricordate di controllare la cottura interna con il vecchio trucchetto dello stuzzicadenti/spaghetto, se infilandolo nel muffin ne uscirà ben pulito e asciutto, i vostri muffin saranno pronti.

Vi suggerisco di accompagnarli con una buona insalata di pomodorini 🙂

Ed eccoli pronti per essere mangiati, Buon Appetito!

 

Stecco a chi? Hamburger Vegetale con Erbette ðŸ´

Hamburger Vegetale su Stecco

Oggi vi presento l’hamburger che si crede uno Stecco, tutto meno che secco,un po’ spavaldo, dai colori brillanti ma con un solo fine…. essere mangiato!!

La primavera è arrivata, ed io ho iniziato a raccogliere le prime erbette dal mio orto balcone, spinaci, biete, cicorie ed infatti è molto facile trovarle anche presso i banchi al mercato.

Mi sono immaginata al parco, in una giornata di sole, a mangiare qualcosa in compagnia, ma cosa? L‘hamburger sullo stecco ovvio!

Vi propongo due varianti della ricetta, una vegetariana ed una vegana.

Pronti per la preparazione

Ingredienti:

  • 200gr di erbette miste di stagione già cotte
  • 1 patata grande
  • 1 uovo (da sostituire con 3 cucchiai di farina di ceci per la versione vegan )
  • pan grattato
  • timo
  • noce moscata (a piacere)
  • sale e pepe
  • 2 c di parmigiano reggiano
  • semi di Chia (1 cucchiaio raso per l’impasto ed 1 per la panatura)
  • Stecchi in legno (recuperati ad esempio da gelati o dolciumi)

 

Procedimento:

Schiacciare le patate ed unire in una ciotola la verdura, precedentemente cotta in padella con un filo d’olio ed uno spicchio d’aglio e frullata grossolanamente.

Amalgamare gli ingredienti ed unire l’uovo (o la farina di ceci), il parmigiano, le spezie ed una piccola parte dei semi di chia; impastare tra loro gli ingredienti ed incorporare poco per volta il pan grattato, fino a raggiungere una consistenza simile a quella delle polpette, così che sia possibile dargli la forma desiderata ma non dovrà essere troppo secco.

Lasciamo riposare l’impasto per almeno 30 min; il risultato sarà anche migliore se preparato al mattino o la sera prima (gli ingredienti saranno ben amalgamati tra loro e l’impasto sarà ancora più sodo).

A questo punto iniziamo a dare la forma desiderata, ci si può aiutare con delle formine, coppa pasta o semplicemente utilizzare le mani. Un’idea molto carina ad esempio potrebbe essere quella di utilizzare un coppa pasta di grandi dimensioni a forma di stella, foglia o altra figure. Preparate le sagome del nostro hamburger inseriremo lo stecco bagnato precedentemente così che non bruci, infatti sarà successivamente necessario coprire la parte di stecco che sporge con della carta stagnola, così rimarrà pulito e non annerirà (io in foto sono stata pigra ed infatti come potete notare lo stecco si è un po’ scurito). Impanare l’esterno con un mix tra pangrattato e semi di chia per avere una migliore doratura.

Per la cottura avrete due possibilità, cuocerli su una griglia oleata come fareste con dei normalissimi hamburger o come ho preferito fare io, cuocerli in forno ventilato a 200° per 20/30 minuti.

Potranno essere portati a tavola inserendo tutti gli stecchi in un barattolo o ad esempio in un cestino rivestito con la carta del pane recuperata 🙂

Non si può pensare bene, né amare bene, né dormire bene se non si ha mangiato bene. V.W.

 

 

 

Ricetta Salva Avanzi: Quiche Patate,Rosmarino e Paprika con Esubero di Lievito Madre ðŸ´

12873663_10207796611906602_1443820619_o

Questa ricetta ha 2 fantastici pregi, salvarmi la serata quando non ho voglia e tempo di preparare qualcosa di più elaborato e l’essere una ricetta svuota frigo e salva avanzi, infatti la sfoglia utilizzata per la preparazione è un ottima base per creare altre ricette, con gli avanzi di verdure (rape,broccoli,zucchine e verdure miste) , in più per chi come me cresce e custodisce il Lievito Madre è un ottimo modo per smaltire il suo esubero dopo il rinfresco.

Questa versione vuole essere più leggera ed aromatica, infatti la farina integrale di farro monococco risulta essere molto profumata e digeribile; io ho trovato la mia spacciatrice di farine bio, e inutile dirlo è molto più buona di quella reperibile nella grande distribuzione.

Ingredienti:

Per la Quiche :

  • 100gr di farina di farro monococco
  • 50gr di esubero di lievito madre (di almeno 5giorni)
  •  50gr di farina 0
  •  30gr di olio di oliva
  •  un cucchiaino di sale
  • 100 ml circa di acqua

Per il ripieno :

  • 2 patate medie
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 pizzico di paprika dolce
  • Sale e pepe

Procedimento:

Prendiamo come prima cosa l’esubero di lievito madre e sciogliamolo in 50 ml di acqua; a parte mescoliamo le due farine in una terrina, aggiungiamo il sale ed incorporiamo il lievito madre precedentemente ammorbidito, diamo una prima mescolata e successivamente incorporiamo dapprima l’olio e pian piano la restante acqua (in base alla vostra farina, se più o meno integrale, sarà necessario un quantitativo diverso di acqua, quindi aggiungetela per gradi in base alla consistenza).

Versiamo l’impasto su una spianatoia e lo lavoriamo con le mani, ottenendo un impasto molle ma che non si attacchi alle mani.  Far riposare coperto per 15/20 minuti.

Passiamo al ripieno, mettiamo a marinare in una terrina le patate, tagliate a fettine dello spessore di circa mezzo millimetro, aggiungendo un filo d’olio,il rosmarino, la paprika, il sale ed il pepe; mescoliamo e lasciamo riposare fino a quando l’impasto non sarà pronto.

Prendiamo l’impasto e stendiamolo in una teglia tonda di circa 22 cm, disponiamo le patate accavallandole leggermente tra di loro. Rivestita tutta la sfoglia aggiungiamo un filo d’olio se necessario e inforniamo a 200° per circa 20/30 min con funzione statica.              Tagliare una fetta e GUSTARE.

E anche per oggi gli avanzi e la cena sono salvi!!

12517058_10207796626546968_348451149_o

CANAPELLA: Crema Spalmabile Veg di Canapa e Nocciole ðŸ´

12788223_10207731389556084_758013232_n

Ben ritrovati EcoPunkers,

non so voi ma io oggi, dopo una settimana di influenza, avevo proprio bisogno di coccolarmi e quale modo migliore se non con un dolce?

In particolare oggi prepareremo una crema spalmabile simile alla famosissima crema di nocciole, ma non potevamo accontentarci delle classiche ricette ormai viste e riviste,  quindi ecco la mia versione arricchita da una buona dose di proteine date dai semi di Canapa, Nocciole italiane biologiche e zucchero di canna integrale!

Prepararla sarà molto semplice, provare a non finirla al contrario sarà molto difficile! 🙂

Ormai, avrete capito che nutro un certo amore nei confronti della Canapa e dei suoi derivati e direi che la sfida più grande è proprio quella di riuscire ad utilizzarla nelle preparazioni dolci, ma per noi dell’EcoPunk nessuna sfida è impossibile e ci siamo riusciti con ottimi risultati e tanta soddisfazione.

Inutile dirvi in quanti modi è possibile utilizzare questa crema di canapa e nocciole, dal più classico dei modi, cioè su una bella fetta di pane all’autoproduzione di prodotti da pasticceria come cornetti, crostate e muffin.

Ingredienti:

50gr di nocciole

30gr di semi di canapa (circa 2 cucchiai )

40 gr di zucchero di canna integrale

50gr di cioccolato fondente al 80%

2 cucchiai di cacao amaro in polvere

2 cucchiai di olio di semi di girasole

1/2 bicchiere circa di latte di canapa (in alternativa un qualsiasi latte vegetale)

Procedimento:

Iniziamo con il tostare, in un pentolino, le nocciole ed i semi di canapa, basterà circa un minuto. Lasciamo raffreddare e successivamente tritiamo, creando un farina molto fine le nocciole, i semi di canapa e lo zucchero.

Creata questa polvere possiamo aggiungere il cioccolato fondente tagliato a pezzetti nel nostro bicchiere del mixer e frullare nuovamente formando così una pasta molto densa e profumatissima.

A questo punto in un pentolino con i bordi alti, mettiamo il cacao e lo sciogliamo in una parte del latte, aggiungiamo ora la pasta di canapa, nocciole e fondente e iniziamo a mescolare gli ingredienti, accendiamo il fuoco a fiamma bassa e riscaldiamo il composto aggiungendo prima l’olio di semi e successivamente poco alla volta il latte per regolare la consistenza, ricordandoci che la crema quando si sarà raffreddata sarà leggermente più densa.

Quando il composto sarà ben caldo ed omogeneo non ci resta altro se non prendere un bel vasetto, riporre all’interno la crema e chiudere con il suo coperchio. Quando si sarà raffreddata possiamo riporla in frigorifero, nel quale si conserverà per circa 2 settimane.

Buona autoproduzione e buona merenda a tutti!

Vi lascio con un’idea stuzzicante…Muffin Vegan e Light con cuore morbido di Canapella

image

 

Con un pizzico di gomasio homemade…

gomasio
Per questo giovedì la nostra amica Felicia è in via di guarigione e saluta tutti, dandovi appuntamento per il prossimo giovedì e cedendo il posto a me. Ho pensato di proporre un’autoproduzione alimentare facile, salutare e da utilizzare per vari impieghi: il gomasio è l’alternativa sana al sale, composto da semi di sesamo (goma in giapponese) e sale marino (shio) integrale, tostati e tritati. È tipico della cucina giapponese, viene usato come condimento per insaporire ricette non solo della cucina macrobiotica o vegana.

I semi di sesamo, e di conseguenza il gomasio, contengono omega 6, proteine, vitamine D ed E, calcio, fosforo, ferro e zinco. Tutte queste sostanze sono fondamentali per il buon funzionamento e la rigenerazione del sistema nervoso. Il gomasio, inoltre, contiene anche sesamina, sesamolina e sesamolo, tre antiossidanti che contribuiscono a controllare i livelli di colesterolo nel sangue e salvaguardare il fegato. Ideale per le diete che richiedono poco sodio e in generale per chi ha voglia di cambiare e assaggiare cose nuove.

RICETTA

Di solito per creare questo sale aromatizzato, si usa una proporzione di 1:10, cioè un cucchiaio di sale e dieci di sesamo e non vi resta che tostare e pestare:

-Prendete una pentola d’acciaio con un fondo spesso e tostate i semi di sesamo a fiamma media fino a quando i semi vi sembranno dorati e ve ne accorgerete anche dal profumo che emaneranno. Non appena dorati, spegnete il fuoco e metteteli in una ciotola per farli raffreddare;

-In un’altra pentola d’acciaio, tostate leggermente il sale per togliere l’umidità (vi accorgerete che sarà diventato leggermente grigio);

-A questo punto dovete andare di olio di gomito… unite i semi al sale mescolandoli, prendete un mortaio e pestate per bene i semi fino a quando saranno aperti e si “sfarineranno”. Respirate, meditate, buttate via i pensieri negativi mentre pestate i semi, quest’operazione richiede un po’ di tempo ma vi assicuro che è terapeutica…

-Mettete tutto in un barattolo di vetro pulito e asciutto e conservate nella vostra dispensa.

Ha un buonissimo profumo simile a quello delle mandorle tostate e si può utilizzare crudo su insalate, zuppe o sulla pasta al posto del formaggio. Facile vero?

Taralli di Riso Venere e Finocchietto Selvatico Veg ðŸ´

12736253_10207594205366565_2002300125_n

Buongiorno EcoPunkers,

questa settimana la Puglia incontra la Lombardia!

Abbiamo pensato di rimanere più “leggeri”, sia con la ricetta che con i contenuti, proponendovi una ricetta si originale, ma di facile esecuzione e poco pretenziosa.

Rivisiteremo un classico Pugliese, i Taralli.

La versione light ed EcoPunk infatti prevede l’utilizzo di ingredienti semplici e sani come l’olio d’oliva, la farina di Riso Venere ed il lievito madre ; rendendo i taralli più leggeri, meno glutinici, più proteici e molto saporiti visto il sapore leggermente affumicato e rustico della farina di riso nero.

Ideali se accompagnati da qualche salsina, formaggi o anche mangiati da soli; ancor meglio se con un bicchiere vicino.

L’idea è nata grazie ad un fantastico raccolto di fiori di finocchietto selvatico, raccolti nei campi e a questa particolare farina di riso venere acquistata da una cascina lombarda.

Così ho pensato, perché non portarci avanti per preparare qualche stuzzichino spezza fame, da proporre durante l’aperitivo il prossimo fine settimana?!

Ingredienti:

  • 60gr di Farina di Riso Venere
  • 50gr di Esubero di lievito madre
  • 40gr di Farina 0
  • 50 ml circa d’acqua
  • 2 cucchiai di Olio  Extravergine d’oliva
  • 1 cucchiaino di sale
  • semi di Finocchietto (selvatico se possibile)

Procedimento:

Sciogliamo l’esubero di lievito madre in una ciotola con circa 30 ml d’acqua (il resto ci servirà dopo). In un’altra ciotola mescolare le due farine, il sale ed il finocchietto; aggiungere al centro il misto di lievito madre ed acqua e dare una prima mescolata.

A questo punto aggiungere l’olio continuando ad amalgamare gli ingredienti e piano piano regoliamo la consistenza aggiungendo l’acqua.

L’impasto dovrà risultare leggermente più sodo di un impasto da pizza.

Facciamo riposare 10 min e trascorso questo tempo iniziamo a formare dei salsicciotti con l’impasto, che taglieremo alla lunghezza di circa 5 centimetri.

Ora piegare le due estremità del salsicciotto su se stesse formando il tipico cerchio del tarallo.

Disponiamo su carta forno oleata e cuociamo in formo statico a 200 gradi per 15 min.

E ricordate, se nessuno vi vedrà mangiarli….e finirli… significherà che non è realmente successo 😉