Crema solare protettiva naturale all'ossido di zinco

cremaprotettiva_ecopunk

Siamo oramai in estate, qualcuno di voi avrà già preso il sole e spero non un’insolazione! Per questo oggi vi presento la mia crema abbronzante protettiva con ossido di zinco, l’unico filtro fisico naturale insieme al biossido di titanio. Ho autoprodotto questa crema per una signora stufa delle creme piene di petrolati e pronta a sperimentare qualcosa di completamente naturale, con una pelle scura già un po’ abbronzata: devo dire che i risultati sono stati a dir poco sbalorditivi! A detta sua, la pelle rimane idratata a lungo, senza essere eccessivamente accaldata e con un colorito assolutamente naturale. La crema è impreziosita dagli oli di cocco, sesamo e oliva che contengono un fattore protettivo (da 2 a 4 sfp), il tè verde antiossidante, il gel d’aloe vera che previene le scottature e burro di karitè e oleolito di calendula autoprodotto che sono straordinariamente lenitivi.

L’ossido di zinco

Lo Zinc Oxide è anche utilizzato come filtro solare, in quanto è capace di riflettere e disperdere le radiazioni solari, proteggendo la cute dai loro effetti nocivi. Ha uno spettro d’azione ampio, ma con superiorità di efficacia sulle radiazioni UVA a maggiore lunghezza d’onda, rispetto al biossido di titanio che invece è più efficace contro i raggi UVB*. Nelle creme solari protettive si può aggiungere una percentuale che va dal 5 al 25% su 100 gr di crema, in base al tipo di protezione di cui si ha bisogno. Nel caso di questa crema ho scelto un 8% perché come ho già scritto su, si trattava di una pelle scura e già abbastanza abbronzata. L’unico problema dell’ossido di zinco è che lascia un antiestetico strato bianco quando applicato sulla pelle, per cui per ridurre tale fenomeno, si può utilizzare ossido di zinco di granulometria molto fine e nell’emulsione frullare un po’ più a lungo in modo che si amalgami completamente agli altri ingredienti.

Siete pronti a crearvi la vostra crema solare protettiva e completamente biodegradabile? Andiamo!

RICETTA

Fase a

3 gr di glicerina
0,6 gomma xantana
51,4 gr di infuso di tè verde o acqua demineralizzata

Fase b

8 gr di ossido di zinco
10 gr di olio di cocco
4 gr di olio di sesamo
3 gr di olio di oliva
3 gr di burro di karitè
5 gr di cera di grano

Fase c
10 gr di gel d’aloe vera
3 gr di oleolito di calendula
10 gtt di olio essenziale di lavanda
10 gtt di estratto di vaniglia
18 gtt cosgard

PREPARAZIONE

-Iniziate come ogni crema a disperdere la glicerina e la gomma xantana in un bicchiere di vetro, aggiungete l’acqua e mescolate fino a quando inizia a formarsi il gel.
Prendete un altro bicchiere di vetro e metteteci l’ossido di zinco e gli oli, cercando di sciogliere quasi completamente i grumi dell’ossido di zinco, e aggiungete il burro di karitè e la cera.

-Una volta avuta la fase a in un bicchiere e la fase b in un altro, poniamo entrambi i bicchieri a bagnomaria e aspettiamo che la cera e il burro di karitè si siano completamente sciolti.

-A questo punto togliete dal bagnomaria la fase a e versatela in una ciotola dai bordi alti e frullate un attimo con il minipimer. Togliete anche la fase b dal bagnomaria e versatela in due volte nella fase a, continuando a frullare con il minipimer. Frullate per 5 minuti circa e vedrete che la vostra crema avrà già preso una giusta consistenza. Fate raffreddare la crema.

-Una volta diventata tiepida, aggiungete alla crema tutta la fase c, continuando a mescolare con un cucchiaino e ricordandovi di aggiungere il conservante alla fine.

Per chi ha una pelle non troppo chiara o già abbronzata, può provare questa crema aumentando o diminuendo la quantità di ossido di zinco a seconda del proprio tipo di pelle. Per chi invece ha una pelle chiara o chiarissima, consiglio di non affidarsi all’autoproduzione e usare una crema protettiva in cui sono combinati ossido di zinco e biossido di titanio, da acquistare in farmacia o erboristeria, stando sempre attenti a leggere le etichette.

Per un ripasso generale sui filtri solari: Io so fare cosmetici per un’abbronzatura naturale senza inquinare

Per saperne di più sull’ossido di zinco e creare una crema tipo Fissan: Sos irritazioni: pomata all’ossido di zinco

*Info da Mypersonaltrainer

23 pensieri su “Crema solare protettiva naturale all'ossido di zinco

  1. Pingback: ccn2785xdnwdc5bwedsj4wsndb

  2. Pingback: 3nvb54wnxd5cbvbecnv5ev75bc

  3. Pingback: 2xncq3tbooowtfb57wwc5m4tnt

  4. Pingback: cmxvnvbgdhfsg8wc5n8cetw

  5. Pingback: xmct5895ct4jt3d4yxtjgwj45tc3j

  6. Pingback: 3cm9wy7vf5kcwxjc3ytxk0crtsxergsd

  7. Pingback: x30m85cgcr83n5rwxym8cnrsdfruxm

  8. Pingback: x4cwym845tx4f8w4fw84rffw485fedw

  9. Pingback: cheap car insurance for women

  10. Pingback: commercial cleaning Auckland

  11. Pingback: silk for women

  12. Pingback: dui attorney

  13. Pingback: webcam porno

  14. Pingback: banheiras

  15. Pingback: security melbourne

  16. Pingback: papa johns coupons codes

  17. Pingback: second hand clothes wholesale

  18. Pingback: thuis geld bijverdienen

  19. Pingback: reference

  20. Pingback: guitar picks

  21. Pingback: mouse click the next site

  22. Pingback: Watch NBA Live

  23. Pingback: Autoproduzioni cosmetiche con i fiori spontanei: l’oleolito di malva e calendula | L'Eco Punk

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...